Ti racconto lavorare in SIA: Intervista a Lorenzo Verducci

14/08/2017

Cosa ti rende orgoglioso del tuo ruolo in questa azienda?
Sicuramente l’aspetto che mi rende più orgoglioso del mio ruolo è la possibilità di essere protagonista delle scelte della Direzione Human Resources & Organization. La possibilità di gestire le attività di change management mi rende partecipe di molte iniziative, contribuendo ad ampliare il mio bagaglio di conoscenze e favorendo il confronto con tutte le funzioni aziendali, in particolare con i vari livelli di management.

Nel tuo percorso in SIA, come sei cambiato professionalmente?
Ho iniziato la mia carriera lavorativa in una società del Gruppo SIA, con il ruolo di HR generalist e di responsabile della Formazione.
Durante questa esperienza triennale ho avuto l’opportunità di sviluppare e consolidare le mie competenze nell’ambito della gestione risorse umane, dal recruiting allo sviluppo passando attraverso le attività amministrative e le tematiche di compensation. Il bagaglio acquisito ha poi favorito il mio ingresso all’interno della Direzione HR della Capogruppo dove, dopo alcuni mesi, ho accettato la proposta di gestire i processi organizzativi di business e le iniziative di change management. Una crescita progressiva quindi, che mi ha permesso di integrare il mondo delle Risorse Umane con quello dell’Organizzazione, rispetto al quale si è sviluppato un crescente interesse e nuova motivazione.

Le assunzioni sono fortemente orientate ai giovani. Quali sono le caratteristiche che cercate nei potenziali talenti?
Tre sono le caratteristiche che ricerchiamo nei potenziali talenti:
1. la capacità di mettersi in gioco fin dal primo giorno attraverso quel giusto mix di personalità, curiosità e umiltà, esprimendo i propri punti di forza e lavorando per imparare e migliorarsi;
2. la capacità di comprensione della realtà aziendale in cui si viene calati e di adattamento ai cambiamenti;
3. l’autonomia e l’orientamento al problem solving, che favoriscono il raggiungimento degli obiettivi, garantendo valore aggiunto e riducendo il coinvolgimento dei responsabili.

Il progetto di cui sei maggiormente soddisfatto?
Mi sono occupato di gestire un’iniziativa progettuale di Business Process Reengineering, fortemente voluta dal nostro Amministratore Delegato, con l’obiettivo di migliorare i principali processi di business in termini di efficacia, efficienza e razionalizzazione dei sistemi informatici a supporto.
Un progetto complesso, che ha interessato l’intero modello di funzionamento aziendale e che ha visto coinvolte tutte le funzioni organizzative.
Un’iniziativa in cui mettere alla prova la capacità di analisi con le abilità relazionali e negoziali e in cui misurare la propria capacità di raggiungere gli obiettivi.

SCOPRI LE OPPORTUNITA' DI CARRIERA IN SIA